Il caso del falso Sindaco Alemannno su Twitter fa riflettere sulla presenza in Rete di figure istituzionali. Continua a leggere

Scrivere non è una scienza esatta; al di là dello stile personale, però, per farci comprendere dal nostro interlocutore è sempre consigliabile fare chiarezza e puntare alla semplicità. In questo articolo propongo qualche riflessione per migliorare la leggibilità di un testo attraverso le scelte lessicali.
Continua a leggere

La questione “leggibilità” si pone per qualsiasi testo scritto e per qualsiasi media.
 Per leggibilità intendiamo la condizione per cui un testo è comprensibile, facile da leggere; il significato tecnico del termine però è più complesso, soprattutto se riferito ad Internet, dove la leggibilità sfuma nel concetto di usabilità.
Continua a leggere

Il burocratese si può sconfiggere. Ad esempio già dal 1993, a seguito di studi sul tema “leggibilità“, il Dipartimento per la Funzione Pubblica ha approntato il “Manuale di stile” per le pubbliche amministrazioni. Da allora altre guide, circolari, manuali hanno ribadito l’importanza del parlar chiaro,ma l’antilingua è dura a morire..

Continua a leggere

Nella Direttiva 8/09 “Linee guida per i siti web della PA” si riflette sul concetto di e-participation, presentato come uno degli elementi qualificanti delle politiche di e-government, in particolare per garantire un migliore accesso ai servizi (e-inclusion) e facilitare, in un’ottica di apertura e trasparenza, la valutazione dall’esterno dell’azione di governo.

Continua a leggere

L’Agenda Digitale per l’Italia è uno dei principali punti del decreto-legge in materia di semplificazione e sviluppo approvato durante il consiglio dei Ministri del 27 gennaio 2012.
Continua a leggere

La Direttiva “Chiaro!” del 2002, sull’importanza di semplificare il linguaggio dei testi amministrativi ha il pregio di essere utile e snella.

Continua a leggere

dislocazione set di dati open in Italia (dati.gov.it)
Oggi stavo navigando su dati.gov.it, il portale italiano degli open data ufficialmente inaugurato lo scorso ottobre. Pensavo alla sfida dell’Open Government, che prevede che le Amministrazioni agiscano in modo da garantire la più completa trasparenza dell’attività di governo rendendo pubblico tutto ciò che – per definizione - è pubblico.
Continua a leggere

smart city
Dodici strategie realizzate da città europee e americane che hanno puntato sulle nuove tecnologie per migliorare la qualità della vita e la gestione dei processi urbani. Disponibile il white paper realizzato da Cittalia – ANCI.
Continua a leggere

In Italia l’uso di strumenti 2.0 nell’ambito Sanità è ancora piuttosto sporadico.  Certo, Facebook & co. potrebbero supportare efficacemente le organizzazioni nel rispondere al bisogno di una comunicazione che si fa sempre più bi-univoca. E potrebbero aiutare ad individuare un nuovo approccio nel rapporto con i pazienti, di pari passo con il processo di empowerment degli stessi. Non è un cambio di mentalità da poco e nasconde, ammettiamolo, non poche difficoltà. E altrove…?
Continua a leggere

Return on Investment for Usability
Da Alertbox di J. Nielsen del 7 gennaio 2003 – tutti i diritti riservati
Traduzione di Chiara Persichitti a scopo non commerciale
Continua a leggere

La suggestiva e descrizione del concetto di linked data secondo Tim Berners Lee (Ted Talks, marzo 2009)

Il Ministero della Difesa e l’importanza di scrivere in modo efficace nell’articolo “Farsi capire si può“. Imperdibile la traduzione di un passo della Genesi in burocratese.

Continua a leggere