Archives for category: social network

“Non esiste un sito realmente 2.0, senza che questo abbia alle spalle un organizzazione realmente 2.0″.
E’ la conclusione – lapalissiana nella sua semplicità – di Stefano Epifani nel video “Cosa significa fare un sito 2.0″. Gli enti pubblici che decidono di presidiare il web 2.0 devono essere consapevoli del fatto che “stanno passando da un modello di comunicazione verso il cittadino a uno con il cittadino”, avverte il Ministro Patroni Griffi sul Vademecum “P.A.e social media”. E aggiunge che essere sui social network “non è un obbligo”.

Read the rest of this entry »

immagine della guida Piter "Web 2.0 e Pubblica Amministrazione"
E’ da condividere la guida “Web 2.0 e Pubblica Amministrazione” realizzata nell’ambito del Piano Telematico dell’Emilia Romagna (Piter). Il documento, anche se datato 2010, è un’ottima introduzione al tema. Cerca di rispondere alle domande: le applicazioni Web 2.0 sono significative per il contesto dell’e-government? Quale impatto avrebbe il loro uso? Quali sono le le barriere giuridico/legali all’erogazione di servizi Web 2.0 nella P.A.? Read the rest of this entry »

Il caso del falso Sindaco Alemannno su Twitter fa riflettere sulla presenza in Rete di figure istituzionali. Read the rest of this entry »

dislocazione set di dati open in Italia (dati.gov.it)
Oggi stavo navigando su dati.gov.it, il portale italiano degli open data ufficialmente inaugurato lo scorso ottobre. Pensavo alla sfida dell’Open Government, che prevede che le Amministrazioni agiscano in modo da garantire la più completa trasparenza dell’attività di governo rendendo pubblico tutto ciò che – per definizione - è pubblico.
Read the rest of this entry »

In Italia l’uso di strumenti 2.0 nell’ambito Sanità è ancora piuttosto sporadico.  Certo, Facebook & co. potrebbero supportare efficacemente le organizzazioni nel rispondere al bisogno di una comunicazione che si fa sempre più bi-univoca. E potrebbero aiutare ad individuare un nuovo approccio nel rapporto con i pazienti, di pari passo con il processo di empowerment degli stessi. Non è un cambio di mentalità da poco e nasconde, ammettiamolo, non poche difficoltà. E altrove…?
Read the rest of this entry »